Ryanair: Tagli, Cancellazioni e Chiusura Basi

voli ryanair

VOLI RYANAIR: LA COMPAGNIA SI PREPARA ALLA CHIUSURA DI ALCUNE BASI ITALIANE

Le conseguenze della pandemia continuano a farsi sentire nel settore dei trasporti e soprattutto dei voli. Lo sa bene Ryanair che, dopo essersi trovata costretta a chiudere importanti basi in Germania, sta pensando di adottare la stessa soluzione anche in Italia.

Le grosse perdite provocate dal collasso delle prenotazioni e dalla cancellazione di molti voli, soprattutto internazionali, ha indotto il vettore irlandese a cercare un accordo salariale con piloti e assistenti di volo. Tuttavia, questa soluzione si è dimostrata efficace solo in parte in quanto la proposta, pur essendo stata accettata in Gran Bretagna, è stata rifiutata proprio in Germania e la compagnia si è resa conto che sono necessarie altre misure.

La situazione in Italia

Per quanto il volume di domande per i voli nazionali non abbia subito grosse riduzioni in Italia, Spagna e Grecia, la carenza di prenotazioni in ambito internazionale sta portando Ryanair a considerare la possibilità di chiudere alcune importanti basi anche qui in Italia per far fronte agli effetti economici del Coronavirus, soprattutto nella temuta ipotesi che ci possa essere un secondo blocco.

Secondo quanto dichiarato da Eddie Wilson, AD di Ryanair, la scelta di spostare gli aerei in altri paesi mantenendo le rotte risponderebbe alla volontà di limitare quanto più possibile i tagli del personale imposti dalla necessità di fronteggiare le ricadute economiche del lockdown.

La possibilità di esuberi tra il personale di volo resta comunque presente, anche alla luce del fatto che, prosegue Wilson, i piloti italiani hanno firmato l’accordo per la riduzione salariale ma gli assistenti di volo no.

In ogni caso, prima di procedere alla cancellazione di posti di lavoro e tagli dei voli Ryanair bisognerà capire come procede la stagione invernale, anche in vista della comparsa di nuovi concorrenti quali Wizz Air che ha avviato le prime rotte in Italia.